Determinazione somme non soggette ad esecuzione forzata (Del. GC 132/2018)

DETERMINAZIONE DELLE SOMME NON SOGGETTE AD ESECUZIONE FORZATA, AI SENSI DELL’ART. 159 DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 267/2000 – PRIMO SEMESTRE 2019


LA GIUNTA COMUNALE
VISTO l’art. 159 “Norme sulle esecuzioni nei confronti degli enti locali” del decreto legislativo 18
agosto 2000, n. 267, ai sensi del quale:
– non sono ammesse procedure di esecuzione e di espropriazione forzata nei confronti degli enti
locali presso soggetti diversi dai rispettivi tesorieri;
– non sono comunque soggette ad esecuzione forzata, a pena di nullità rilevabile anche d’ufficio
dal giudice, le somme destinate al pagamento delle retribuzioni del personale dipendente e dei
conseguenti oneri previdenziali per i tre mesi successivi, al pagamento delle rate di mutui
scadenti nel semestre in corso, all’espletamento dei servizi locali indispensabili;
– per l’operatività dei limiti all’esecuzione forzata di cui sopra è necessario che l’organo esecutivo
dell’ente, con propria deliberazione da adottarsi per ogni semestre e notificata al tesoriere,
quantifichi preventivamente gli importi delle somme destinate alle suddette finalità;
VISTA la sentenza additiva n. 211/2003 della Corte costituzionale, che ha riconosciuto l’illegittimità
della norma suddetta nella parte in cui non prevede che non operi l’impignorabilità, dopo l’adozione
della deliberazione semestrale, quando vengano disposti pagamenti che non rispettino l’ordine
cronologico con cui sono pervenute le fatture o, in mancanza di queste, quello di assunzione degli
impegni di spesa;
DATO ATTO che con il comma 13 dell’art. 27 della legge 28 dicembre 2001, n. 448 (Legge
finanziaria 2002) è stato disposto che “Non sono soggette ad esecuzione forzata le somme di
competenza degli enti locali a titolo di addizionale comunale e provinciale all’IRPEF disponibili sulle
contabilità speciali di giro fondi intestate al Ministero dell’Interno. Gli atti di sequestro e
pignoramento eventualmente effettuati su tali somme non hanno effetto e non comportano vincoli
sulla disponibilità delle somme”;
VISTO il D.M. 28 maggio 1993, che, all’art. 1, individua, ai fini della non assoggettabilità ad
esecuzione forzata, quali servizi indispensabili dei Comuni, i seguenti:
– servizi connessi agli organi istituzionali;
– servizi di amministrazione generale compreso il servizio elettorale;
– servizi connessi all’ufficio tecnico comunale;
– servizi di anagrafe e stato civile;
– servizio statistico;
– servizi connessi con la giustizia;
– servizi di polizia locale;
– servizi di protezione civile, di pronto intervento e di tutela della sicurezza pubblica;
– servizi di istruzione primaria e secondaria;
– servizi necroscopici e cimiteriali;
– servizi connessi alla distribuzione dell’acqua potabile;
– servizi di fognatura e depurazione;
– servizi di nettezza urbana;
– servizi di viabilità e illuminazione pubblica;
RICHIAMATA la deliberazione del Consiglio comunale n. 66 del 20.12.2018, con la quale è stato
approvato il bilancio di previsione 2019-2021;
RITENUTO di procedere alla quantificazione delle somme non soggette ad esecuzione forzata per
il primo semestre 2019;
RITENUTO di quantificare, sulla base degli stanziamenti del bilancio di previsione 2019/2021
esercizio 2019, in € 2.060.000,00 l’importo delle somme non soggette ad esecuzione forzata per il
primo semestre 2019, distinto nelle seguenti voci:
€ 351 500,00 spese per retribuzioni del personale dipendente e dei conseguenti
oneri
previdenziali per tre mesi;
Documento informatico firmato digitalmente ai sensi del D.Lgs 82/2005 s.m.i. e norme collegate, il quale sostituisce il documento cartaceo e la firma autografa
DELIBERA DI GIUNTA n. 132 del 28-12-2018 Pag. n.2 COMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO
€ 1.523.000,00 spesa semestrale per espletamento servizi indispensabili;

185.500,00 quota capitale e quota interessi rimborso mutuo;
VISTO il decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267 “Testo unico delle leggi sull’ordinamento degli
enti locali”, e successive modificazioni;
Tutto ciò premesso, acquisiti i pareri favorevoli in ordine alla regolarità tecnica e contabile espressi
dal Responsabile del Servizio Finanziario;
Con voti unanimi favorevoli, espressi nelle forme di legge.
DELIBERA
1. di quantificare, sulla base degli stanziamenti del bilancio di previsione 2019/2021 esercizio
2019, in € 2.060.000,00 l’importo delle somme non soggette ad esecuzione forzata per il primo
semestre 2018, distinto nelle seguenti voci:
– € 351 500,00 spese per retribuzioni del personale dipendente e dei conseguenti
oneri previdenziali per tre mesi;

1.523.000,00 spesa semestrale per espletamento servizi indispensabili;

185.500,00 quota capitale e quota interessi rimborso mutuo;
2.di dare atto che, per la quantificazione della spesa semestrale per l’espletamento dei servizi
indispensabili, elencati all’art. 1 del D.M. 28 maggio 1993, sono state considerate le spese
correnti, al netto delle spese per il personale, compresi gli oneri riflessi, rientranti nelle seguenti
missioni e programmi:
– servizi connessi agli organi istituzionali: missione 1, programma 1;
– servizi di amministrazione generale compreso il servizio elettorale; servizio di anagrafe e
stato civile; servizio statistico: missione 1, programmi 2, 3, 4, 5, 7, 8, 9, 10, 11;
– servizi connessi all’ufficio tecnico comunale: missione 1, programma 6 e missione 8,
programma 1;
– servizi di polizia locale: missione 3, programma 1;
– servizi di protezione civile, di pronto intervento e di tutela della sicurezza pubblica: missione
11, programmi 1;
– servizi di istruzione primaria e secondaria: missione 4, programmi 1, 2, 6, 7;
– servizi necroscopici e cimiteriali: missione 12, programma 9;
– servizi di nettezza urbana: missione 9, programma 3;
– servizi di viabilità e illuminazione pubblica: missione 10, programma 5;
3. di dare atto che l’impignorabilità delle somme suddette è subordinata al rispetto dell’art. 159
del decreto legislativo n. 267/2000, come risultante dalla sentenza additiva della Corte
costituzionale n. 211/2003;
4. di dare atto che, ai sensi del comma 13 dell’art. 27 della legge n. 448/2001, non sono soggette
ad esecuzione forzata le somme di competenza di questo Ente a titolo di addizionale
comunale all’IRPEF, disponibili sulle contabilità speciali di giro fondi intestate al Ministero
dell’Interno. Gli atti di sequestro e pignoramento eventualmente effettuati su tali somme non
hanno effetto e non comportano vincoli sulla disponibilità delle somme;
5.di notificare copia della presente deliberazione al Tesoriere comunale, ai sensi dell’art. 159,
comma 4, del decreto legislativo n. 267/2000.
Altresì
DELIBERA
Documento informatico firmato digitalmente ai sensi del D.Lgs 82/2005 s.m.i. e norme collegate, il quale sostituisce il documento cartaceo e la firma autografa
DELIBERA DI GIUNTA n. 132 del 28-12-2018 Pag. n.3 COMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO
di dichiarare, con separata e successiva votazione espressa in forma palese ad esito
favorevole unanime, il presente atto immediatamente eseguibile ai sensi dell’art. 134, comma
4°, TUEL n. 267/2000, per poter dare seguito tempestivamente ai conseguenti atti.

Lascia un commento