Senso unico alternato sulle vie comunali per interventi brevi (Ord. 151/2018)

ORDINANZA DI ISTITUZIONE DEL SENSO UNICO ALTERNATO SULLE VIE COMUNALI INTERESSATI DA LAVORI DI PICCOLA ENTITA’ URGENTI O NON PROGRAMMABILI DI BREVE DURATA PER INTERVENTI DI RIPARAZIONE O ALLACCI COMPORTANTI SCAVO SULLA SEDE STRADALE ESEGUITE DA DITTE O ENTI FORNITRICI DI SERVIZI PUBBLICI PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE, FOGNATURA, SERVIZIO ELETTRICO, TELEFONIA, RETE GAS, O PER L’ IRRIGAZIONE


IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI POLIZIA LOCALE
VISTE le numerose richieste che pervengono dalle varie società di gestione di servizi
pubblici, quali, Alto Trevigiano Servizi, Telefonia, Servizio Elettrico Enel e rete GAS,
Consorzio di Bonifica Sinistra Piave per quanto concerne la fornitura di servizi di, acqua,
fognatura , telefonia, energia elettrica, e gas metano, incaricate per l’esecuzione di lavori di
scavo per piccoli interventi di posa di nuovi cavi o condotte o per riparazioni urgenti allacci
e conseguente asfaltatura di ripristino e che interessano la sede stradale sulla viabilità
Comunale per ottenere l’autorizzazione alla temporanea regolamentazione del traffico
mediante istituzione del senso unico alternato;
VISTA la necessità di permettere un regolare e sicuro svolgimento dei lavori stessi ed
evitare così pericoli per la circolazione di persone e di veicoli;
CONSIDERATO che trattasi di interventi urgenti di riparazione o sostituzione di linee, non
programmabili, di piccola entità che comportano restringimento temporaneo della sede
stradale per brevi periodi limitati;
CONSIDERATO che gli interventi di cui trattasi saranno eseguiti dalle società sopra indicate
per mezzo di ditte appaltatrici incaricate;
CONSIDERATO che la particolare ristrettezza della sede stradale non consente di norma
l’esecuzione dei lavori contemporaneamente alla normale circolazione stradale;
VISTO l’art. 107 e l’art. 50 , del D.Lvo 267 del 18.8.2000 e succ mod;
VISTO il Disciplinare tecnico del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti del 10 luglio
2002 relativamente a segnaletica temporanea di cantiere;
VISTO IL Decreto del Sindaco di nomina del Responsabile del Servizio Polizia Locale n.
13/2017;
VISTO l’art.5, 6 , 7,12, 21, 37,38 3 42 del Codice della Strada ( D.lvo 285/92 ) e succ.mod;
D I S P O N E E P R E S C R I V E
NEL PERIODO CHE VA DAL 01 GENNAIO 2019 AL 31 DICEMBRE 2019 IL
RESTRINGIMENTO TEMPORANEO DELLA SEDE STRADALE E LA TEMPORANEA
ISTITUZIONE DEL SENSO UNICO ALTERNATO REGOLATO A VISTA DA MOVIERE O
IMPIANTO SEMAFORICO O MANUALE E DA SEGNALETICA TEMPORANEA DI
CANTIERE SULLE VIE COMUNALI INTERESSATE DAI LAVORI SOPRA INDICATI
RICADENTI NEL TERRITORIO CHE RIGUARDANO INTERVENTI URGENTI E NON
PROGRAMMABILI DI MODESTA’ ENTITA’ ONDE CONSENTIRE L’ESECUZIONE DEI
LAVORI DI SCAVO RIPARAZIONE E RIPRISTINO CON ASFALTATUTRA COME IN
PREMESSA INDICATI.
DI ISTITUIRE IL LIMITE MASSIMO DI 30 KMH E IL DIVIETO DI SORPASSO NEI TRATTI
INTERESSATI PER I PERIODI NECESSARI ALL’ESECUZIONE DEI LAVORI.
La segnaletica di cantiere di modifica della viabilità dovrà essere apposta soltanto durante
l’effettiva l’esecuzione dell’intervento.
1)Sul posto dovrà essere posta idonea e sufficiente segnaletica stradale atta a segnalare la
modifica della viabilità conforme al decreto Ministeriale del Ministero delle Infrastrutture e dei
Trasporti del 10/07/2002, nonché di segnalare la presenza di ostacoli o pericoli sulla
carreggiata a causa dei lavori, anche di notte se necessario.
2)A cura della ditta incaricata dei lavori e in funzione del tipo di intervento da eseguirsi dovrà
essere apposta la seguente SEGNALETICA TEMPORANEA DI CANTIERE Tavole 65-66 del
DM del 2002.
3) In caso di regolazione della viabilità con movieri dovrà essere utilizzato, personale con
indumenti ad alta visibilità e muniti di idonea paletta bifacciale come da regolamento cds.
4) Occultamento della segnaletica presente in contrasto con la segnaletica temporanea di
cantiere
5) L’impiego di semaforo per la regolazione del traffico dovrà tenere dei flussi di traffico
transitanti e di conseguenza la regolazione dei tempi dovrà essere fatta in modo da evitare
incolonnamenti.
6) Al termine dei lavori procedere al ripristino del manto stradale mediante asfaltatura a
caldo conformemente alla regola dell’arte avendo cura di compattare l’area di intervento e di
procedere ad eventuale aggiunta in caso di formazione di avvallamenti, e secondo quanto
prescritto dall’Ufficio LLPP Comunale.
7) A cura della ditta incaricata di adottare tutte le cautele nell’Area di cantiere al fine di non
creare pericolo per la circolazione stradale.
8)La presente Ordinanza non ha valore su strade Provinciali ricadenti nel territorio in quanto
necessitanti di Nulla osta preventivo e di Ordinanza autonoma.
9) Copia della presente ordinanza dovrà essere tenuta in cantiere dalla ditta incaricata dai
lavori ed esibita se richiesta agli organi di Polizia Stradale.
10) Di rimuovere al termine dei lavori la segnaletica temporanea ed eventuali materiali di
cantiere depositati sulla sede stradale.
11) Che prima dell’esecuzione di ogni intervento compatibilmente con l’urgenza dovrà essere
fatta comunicazione all’amministrazione Comunale;
12) Per quanto non espressamente indicato relativamente alla segnaletica temporanea di
cantiere si rimanda a Dm del Ministero del 2002 e relativi schemi segnaletici differenziali in
funzione del tipo di intervento da eseguirsi.
In caso di inosservanza quanto sopra indicato saranno applicate le sanzioni previste dalla
normativa in materia.
Dovrà essere consentito l’accesso ai residenti ed ai frontisti, ai mezzi di soccorso ed alle
forze di Polizia, compatibilmente con l’andamento dei lavori.
Questa Amministrazione ed i propri dipendenti sono sollevati da eventuali responsabilità o
molestia derivanti da danni a cose o correlati dall’esecuzione delle predette attività di
cantiere, restando in capo alla ditta esecutrice dei lavori nonché di tutti gli obblighi derivanti
dalla normativa di prevenzione degli infortuni sul lavoro.
Il personale preposto ai Servizi di Polizia Stradale di cui all’art. 12 del C.D.S. è incaricato
dell’esecuzione della presente Ordinanza.
La presente Ordinanza sarà pubblicata all’Albo Pretorio del Comune.
Avverso il presente provvedimento è ammesso ricorso al TAR TRIBUNALE
AMMINISTRATIVO REGIONALE entro 60 giorni dalla pubblicazione.
Avverso il presente provvedimento è ammesso ricorso al MINISTRO DELLE
INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI art.37 cds, entro 60 giorni dalla pubblicazione.
IL RESPONSABILE DELLA POLIZIA LOCALE
V.C. Paolo Gasparetto

Lascia un commento