Destinazione proventi multe (Del. GC 110/2018)

DESTINAZIONE DEI PROVENTI DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PER VIOLAZIONI DEL CODICE DELLA STRADA ANNO 2019.


LA GIUNTA COMUNALE

PREMESSO che l’art. 208, quarto comma, del D.lgs. 30 aprile 1992 n. 285 e successive
modificazioni, recante disposizioni per il nuovo codice della strada, definisce i criteri per l’utilizzo
degli introiti derivanti dalle sanzioni amministrative pecuniarie previste dal decreto stesso;
VISTO che l’art. 40 della Legge 120/2010 ha riscritto gli attuali commi 4, 5 e 5 bis dell’art. 208
del D.lgs. 285, del 1992, e che dopo le modifiche apportate stabilisce:
-al comma 4, che una quota pari al 50 per cento dei proventi spettanti agli enti di cui al secondo
periodo del comma 1 è destinata:
a) in misura non inferiore a un quarto della quota, a interventi di sostituzione, di ammodernamento,
di potenziamento, di messa a norma e di manutenzione della segnaletica delle strade di proprietà
dell’ente;
b) in misura non inferiore a un quarto della quota, al potenziamento delle attività di controllo e di
accertamento delle violazioni in materia di circolazione stradale, anche attraverso l’acquisto di
automezzi, mezzi e attrezzature dei Corpi e dei servizi di polizia provinciale e di polizia municipale
di cui alle lettere d bis) ed e) del comma 1 dell’articolo 12;
c) ad altre finalità connesse al miglioramento della sicurezza stradale, relative alla manutenzione
delle
strade di proprietà dell’ente, all’installazione, all’ ammodernamento, al potenziamento, alla messa a
norma e alla manutenzione delle barriere e alla sistemazione del manto stradale delle medesime
strade, alla redazione dei piani di cui all’articolo 36, a interventi per la sicurezza stradale a tutela
degli utenti deboli, quali bambini, anziani, disabili, pedoni e ciclisti, allo svolgimento, da parte degli
organi di polizia locale, nelle scuole di ogni ordine e grado, di corsi didattici finalizzati
all’educazione stradale, a misure di assistenza e di previdenza per il personale di cui alle lettere;
d-bis) ed e) del comma 1 dell’articolo 12, alle misure di cui al comma 5-bis del presente articolo e a
interventi a favore della mobilità ciclistica;
– al comma 5-bis che la quota dei proventi di cui alla lettera c) del comma 4 può anche essere
destinata ad assunzioni stagionali a progetto nelle forme di contratti a tempo determinato e a forme
flessibili di lavoro, ovvero al finanziamento di progetti di potenziamento dei servizi di controllo
finalizzati alla sicurezza urbana e alla sicurezza stradale, nonché a progetti di potenziamento dei
servizi notturni e di prevenzione delle violazioni di cui agli articoli 186, 186-bis e 187 e all’acquisto
di automezzi, mezzi e attrezzature dei Corpi e dei servizi di polizia provinciale e di polizia
municipale di cui alle lettere d-bis) ed e) del comma 1 dell’articolo 12, destinati al potenziamento
dei servizi di controllo finalizzati alla sicurezza urbana e alla sicurezza
stradale
;
– al comma 5 che gli enti di cui al secondo periodo del comma 1 determinano annualmente, con
delibera della giunta, le quote da destinare alle finalità di cui al comma 4;
VISTO che la norma sopra citata stabilisce inoltre che i Comuni con popolazione superiore ai
10.000 abitanti diano comunicazione al Ministero dei Lavori Pubblici, della determinazione della
devoluzione dei proventi alle suindicate finalità;
CONSIDERATO che la Giunta Comunale, in data odierna approva la proposta di bilancio di
previsione per l’esercizio finanziario 2019 e che tale proposta prevede nella parte entrata un
introito complessivo di € 165.000,00 per sanzioni amministrative pecuniarie per violazioni alle
norme del codice della strada;
DATO ATTO che la somma iscritta a bilancio comprende anche la quota di sanzioni da
accantonare a fondo crediti di dubbia esigibilità per 30.000,00, e che il principio contabile 4/2
allegato al D.lgs. 118/2011 all’esempio 4, indica che la somma da destinare alla parte vincolata in
sede di previsione è data dal totale delle sanzioni dedotto il fondi crediti di dubbia esigibilità, quindi
€ 135.000,00;
VISTO il D.Lgs. 30 aprile 1992, n. 285 e successive modifiche;
Documento informatico firmato digitalmente ai sensi del D.Lgs 82/2005 s.m.i. e norme collegate, il quale sostituisce il documento cartaceo e la firma autografa
DELIBERA DI GIUNTA n. 110 del 21-11-2018 Pag. n.2 COMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO
VISTO il DPR 16 dicembre 1992, n. 495;
VISTO il D.Lgs. 267 del 18-8-2000 e il D.Lgs 118/2011;
VISTO lo Statuto comunale;
VISTO il parere favorevole tecnico – contabile espresso dal responsabile del servizio finanziario
comunale;
CON voti favorevoli unanimi resi nei modi di legge;
D E L I B E R A
Di destinare i proventi delle sanzioni amministrative pecuniarie per violazioni 1. al codice della
strada, stimati per l’esercizio 2018 in € 165.000,00 che dedotto il FCDE per € 30.000,00 dà
un risultato oggetto del vincolo pari ad € 135.000,00, così come previsto alla parte entrata
della proposta di bilancio di previsione per l’esercizio finanziario 2019, che la Giunta
approva in data odierna, alle seguenti finalità;
2.Di dare atto che il 50% dei proventi soggetti a vincolo di destinazione ammonta a €
67.500,00; vengono invece destinati alle finalità previste dalla normativa € 80.000,00 per gli
importi sottoindicati:
– importo iscritto al Titolo III dell’Entrata Entrate
extratributarie del 2019 nell’apposita tipologia 200 denominata
“Proventi attività di controllo delle irregolarità e degli illeciti”
ed al relativo regolamento di attuazione soggetto a vincolo.” € 165.000,00
detratto il fondo crediti di dubbia esigibilità per € 30.000,00 € 135.000,00
– importi iscritti nella missione 3 programma 1.103
delle spese correnti del bilancio 2019 10.500,00
– importi iscritti nella missione 10 programma 5.103
delle spese correnti del bilancio 2019 57.000,00
– importi iscritti nella missione 1 programma 6.103
delle spese correnti del bilancio 2019 12.500,00
3.Di dare atto che la presente deliberazione è coerente con il contenuto della proposta di
bilancio di previsione per l’esercizio finanziario 2019, in fase di successiva approvazione.
DELIBERA
altresì, con separata apposita votazione espressa in forma palese ad esito favorevole unanime, di
dichiarare immediatamente eseguibile la presente deliberazione, ai sensi dell’art. 134 – comma 4°-
del D. Lgs. n. 267 del 18.08.2000, vista l’urgenza di provvedere tempestivamente all’adozione dei
conseguenti atti.

Lascia un commento